Di ritorno

95353604_06000c60f4.jpg

Ahhh… mi sento proprio bene!
Ho trascorso uno dei capodanni più belli della mia vita, in una delle città più belle del mondo, se non la più bella in assoluto.

Tutto a Venezia è magico, perché è unico, quasi fuori dal mondo.
E’ come trovarsi in una dimensione sconosciuta: Non ci sono le automobili, la gente si muove via acqua, oppure a piedi. Si hanno, per questo, ritmi assolutamente singolari rispetto a quelli consoni a cui più o meno tutti siamo abituati.
L’acqua plasma la città; Venezia è una serie di isolette tenute insieme da ponti e ponticelli di ogni fatta e dimensione dai quali affacciarsi e restare a guardare giù, fino al prossimo ponte, ad aspettare che passi una gondola, è assolutamente irresistibile.
Si ha l’impressione, camminando tra le calli, i sestrieri, i campielli, di essere in un posto che esiste solo nella nostra fantasia. Le case sono sgembe, sono castelli di carte, sono sculture di gotico fiorito che emergono dalle acque come veneri fiere e misteriose.
I vicoli stretti si illuminano di negozi scintillanti dei vetri di Murano o dei volti inquietanti delle maschere.
La città è grigia, eppure brilla d’oro e d’argento.
Sono felice di esserci andata e consiglio a tutti di andare almeno una volta nella vita, a vedere questo strano e meraviglioso esperimento che è Venezia.

Sono entusiasta anche delle mie scelte organizzative, riuscite per fiuto e fortuna.
Tanto per cominciare, 3 o 4 giorni sono sufficienti per visitare Venezia ed ambientarsi bene, anzi, direi che è perfetta per i soggiorni brevi.

Io e Marco ci siamo trovati molto bene in un piccolo bed & breakfast che si chiama “Residenza ai Giardini”, le stanze sono davvero piccole, ma sono confortevoli, pulite ed il servizio è apprezzabile.
La colazione non è luculliana:: 3 fette biscottate, burro, marmellata, succo di frutta, cioccolata calda, cappuccino, caffè.
La zona è tranquilla, vicinissimo ai giardini della biennale, a non più di un chilometro e mezzo da San Marco, che è lo snodo dal quale per noi partivano tutti gli itinerari.
Fa Freddo e ci vuole la “F” maiuscola… il secondo giorno è stato il più rigido e grigio.
All’isola di Murano (dove bisogna andare a vedere le creazioni dei maestri vetrai ed apprezzare il piccolo corso sul quale campeggiano le boutiques del vetro), abbiamo aspettato un vaporetto che ci riportasse a Venezia per quasi 1 ora, a causa della nebbia.

Io ho insistito perché facessimo anche un giro in gondola…
Andare a Venezia e non fare un giro in gondola significa non onorare la città, anche se i prezzi non sono poi così abbordabili.
Da San Marco, un giro completo costa 120 euro (ma a quanto ho capito è tutto molto variabile e passibile di trattativa)
Noi abbiamo pagato 100, ma secondo me ne vale la pena.
La gondola è un’imbarcazione particolare (come tutto a Venezia), asimmetrica: deve pendere un po’ a destra ed è su misura di chi la porta. Il colore della gondola è il nero perché l’imbarcazione nacque insieme alla fine della peste nera.
In fine, assistere ai fuochi d’artificio di mezzanotte a capodanno sul canal grande non ha prezzo.
Gli intermezzi sono stati piacevoli: durante il viaggio (andata e ritorno) ho letto l’ultimo libro di Marco Travaglio ed ho ascoltato i podcast de “le interviste barbariche”; Marco, con il suo I Pod video nuovo di zecca, ha anche visto, oltre che sentito, il talk show “Very Victoria”. Abbiamo poi visto “L’era Glaciale 2” ed “Il Caimano”.

Insomma, bellissima esperienza… per la quale ho sprecato molti aggettivi, che rimarranno pochi in ogni caso e comunque mai completamente adeguati.
Del resto, hanno provato in tanti a parlare di Venezia, ma le parole non arrivano dove arrivano gli occhi, le viscere, i sensi.

P.S. guardare sempre dove si mettono i piedi, Venezia è una città molto pulita, ma piena di cani, i cui padroni non sono abituati a raccogliere i ricordini con l’apposita paletta.
(sarà un appunto banale e poco poetico, ma senz’altro utile!)

Annunci

4 Risposte

  1. Bello…bello davvero…sono felice del tuo bel Capodanno…..ancora sono in tempo per gli auguri?

  2. e vai con venezia,,,,!! auguri !!

  3. ma ben vengano gli auguri!!!
    anzi, facciamocene tutti i giorni fino all’anno prossimo e poi ricominciamo! 🙂

  4. facciamocene,,tutto tutto l’anno,!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: