farfalle nello stomaco

farfalle1.JPG

Ieri, erano le 23 e 53, mi è arrivato un messaggio da Bruno: “Flavio!!! Non ci posso credere che non c’è più”.
Nemmeno io riesco a credereci…
Dopo una lunghissima malattia anche lui è andato via.
Il Flavio di cui parlo è il professor Baroncelli dell’università di Genova.

Un uomo che viveva di filosofia, ma che era fatto di poesia.

Quando lo vidi la prima volta, mi colpì la sua rotondità paciosa e l’ironia sottile.
E mi colpì sua moglie Annalisa, il modo in cui si guardavano e si sorridevano. Più di una volta, rivolta a loro ho pensato: questa è la felicità.

Tutto è perduto fuorchè l’umore, dicevi…
Ciao professore
Felicità è anche averti conosciuto

Qui un ricordo dal sito di radio rai

Annunci

20 Risposte

  1. quando si perdono persone che hanno fatto parte di un pezzo della tua vita ti senti sempre piu impotente….e soprattutto io non riesco a spiegarmi mai il perchè…..!!!!!

  2. Confesso che non lo conoscevo, ma mi unisco al tuo dolore.
    E aspetto che tu riprenda a farlo, prima di offrirti un sorriso che potrebbe sembrare inopportuno.

    Un abbraccio silenzioso.

  3. è brutto ricevere queste notizie… io personalmente vado sempre a pensare all’ultimo incontro con la persona defunta e all’inconscenza del suo essere l’ultima… sembrerà un po’ paranoico, lo so…

  4. eh si titty

    Al,un sorriso non è mai inopportuno 🙂

    pepe, credo che succeda a tutti.

    Mi piacerebbe che ascoltaste la sua voce…

  5. un abbraccio.

  6. Ciao Brigida! Entro per la prima volta nel tuo blog e con un post molto triste! Mi dispiace! Purtroppo questa è la bellezza e la crudeltà che la vita ci offre. Un abbraccio

  7. Grazie Ros, bacio

    ciao Walter, io di post tristi ne scrivo a bizzeffe purtroppo, sei avvertito… 🙂

  8. ascoltato…
    interessante eh!!!???!!
    fa un pò impressione ascoltare chi non c’è più, mi mette i brividi…
    beato lui che si divertiva con la filosofia, ma forse questo avviene a quelli che si appassionano così tanto…
    anche a me diverte ma non quando facevo gli esaami…

  9. si, è vero fa impressione, soprattutto quando dice che dai merli dorati dei castelli di Yale ci fa ciao con la mano…

  10. Se n’è andato anche mio nonno, torno ora dall’obitorio. Non sono neppure riuscita a salutarlo e non mi è uscita dalla bossa una sola parola per quattro ore.
    La vita.
    Baci.

  11. Mi dispiace…un pensiero va a lui e soprattutto a te oggi…

  12. Chià, scusami, leggo solo ora…
    ho un po’ di farfalle nello stomaco anche per te adesso. Mi dispiace davvero

  13. Non lo conscevo, ma l’audio rai mi ha incuriosito.

  14. E io ne sono felice 🙂

  15. porca miseria, mi spiace…
    da quanto vedo però ti ha lasciato molto dentro. E lì è vivo.

    un abbraccio

  16. capisco ciò che provi.
    un abbraccio forte forte.

  17. Riesci a mettere talmente tanta dolcezza nelle tue parole, che persino la morte sembra meno amara…

    (Non muore davvero chi rimane nei pensieri e nei ricordi di chi vive, si dice.)

  18. E anche un abbraccio virtuale per la NonCommessa, per quanto questo possa servire…

  19. Martello: sarebbe bello essere capaci di “rubare” dalle persone, abbastanza da non lasciarle mai andare via del tutto.

    Laura: ciao, bacio

    silent: tu sei di Genova? Il prof Baroncelli era nato a Savona, ma insegnava all’università di Genova. A pensarci bene, di professori dell’università di Genova ne conosco un sacco 🙂

  20. Si sono di Genova, ma non lo conoscevo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: