5-6-7-8

ballare.JPG

Non è possibile: Le nostre ragazze hanno vinto 4 coppe.
A Roma la musica sarà diversa di sicuro e bisognerà inventarsi dell’altro.
Prima di tutto serve una bella dieta sgrassante, poi ci vuole trucco e parrucco ed in fine servono body meno anonimi di quelli scelti per queste gare, in ogni caso io opterei per un gonnellino: sono eleganti ed evitano che si resti a chiappe all’aria.
Le ragazze hanno passato più tempo a sistemarsi le mutande che a pensare alla progressione. Bisognerà che si dica loro di evitarle certe cose.

Chissà, magari sarà il caso di proporre un pezzo di ritmica. Però c’è il rischio che si faccia casino con palle e cerchi.

Io ed Elisa ci siamo divertite, l’herpes da stress di Silvia è in via di guarigione.

Da quando se ne parla ad Amici di Maria De Filippi, tutti hanno capito che per danzare o per fare uno sport come la ginnastica artistica servono anche delle precise, particolari, imprescindibili doti fisiche.
Prima si pensava soprattutto alla corporatura esile ed asciutta, alla muscolatura lunga, all’ elasticità; ora quasi tutti sanno che servono piedi e ginocchia.
Quindi è corretto dire che non sei tu a scegliere la danza, ma che è la danza a scegliere te, tali e tante sono le prerogative indispensabili per essere ginnasti o ballerini di buon livello… per essere campioni o etoile serve molto altro.
Però studiare danza o ginnastica è utile a prescindere, se fatto con un certo metodo ed intenzioni.
Educa alla disciplina, indirizza il portamento, stimola all’eleganza ed aumenta il senso del ritmo.
Vedo delle ragazzine cicciottelle muoversi benissimo.
Non diventeranno mai ballerine e magari nemmeno lo vorrebbero, ma che bello guardarle fare qualcosa con passione e che bello sapere che quello che hanno fatto resterà con loro per sempre.

Io sono grata ai miei genitori per moltissime cose, ma ricordo con commozione quei viaggi lunghissimi fino alla scuola di ginnastica.
A volte mi accompagnava papà; nello stereo della macchina c’era la cassetta di Mia Martini, nella borsa le scarpette, l’asciugamano e la calzamaglia; dentro di me il solito timore accompagnato però da tanto entusiasmo e voglia di imparare.
Oggi vedo ragazzine maleducate e svogliate, guardo Elisa e mi accorgo del fuoco che ha negli occhi quando le guarda fare i capricci, lei, che studiava danza a Milano… le prenderebbe a schiaffoni.
Mi piacerebbe che si rendessero conto di quanto è importante quello che fanno e che lo facessero con dedizione.
Credo che un giorno potrebbero rimpiangere di non essersi impegnate di più, come capita a tutti quelli che si lasciano sfuggire una buona occasione.

E allora, tirando le somme: è andata meglio di quanto speravamo, ma io credo si possa fare di più.
Come disse un ragazzone muscoloso in una palestra romana nella quale io e Stella stavamo facendo un sopralluogo: “non c’è mai limite al miglioramento”

Annunci

14 Risposte

  1. Ma guarda io non sono mai stata esile e non ho un bel collo del piede, eppure ho fatto nove anni di danza moderna, sono arrivata seconda alle italiane con gente che pesava 20 kili meno di me. Poi mi sono data all’hip-hop, e ora dopo 15 anni di danza preferisco il full contact, giusto perchè le insegnanti che ci sono state dopo somigliavano alla tua amica…
    Bisogna anche farla venire la passione alle bambine, quello credo sia il compito più difficile.
    Baci.

  2. Cioa Brigida, un saluto e una buona domenica! 🙂

  3. Ciao Duss

    Chià, la danza moderna è già diversa dalla classica… Ti do ragione sulla passione che si deve lasciar maturare con tranquillità, ma per diventare brave bisogna fare gli esercizi e non chiacchierare al cellulare per tutto il tempo. Se l’insegnante ti dice di fare gli addominali, li devi fare e basta.

    Che donna dalle mille risorse che sei 🙂

  4. Allora se fanno così, ha tutte le ragioni del mondo la tua amica.
    Mia madre mi costringeva a fare la classica, la mia insegnante mi spostò nel corso di ritmica, succede sempre così..
    io volevo fare Karate, poi mi venne la passione, grazie all’insegnante, mica a mia madre.
    Baci.

  5. non c’è limite al miglioramento perché si tratta di superlativi relativi
    il limite è dato all’ottimizzazione 🙂

    e parlo ancora di te….

  6. parli ancora di me?

  7. avevo un album di mia martini dove forse c’erano raccolte alcune sue belle canzoni
    la prima che mi è venuta in mente
    ho immaginato che l’ascoltavi con tuo padre nel tragitto verso la palestra…

    Mia Martini > Danza (1978) > E Parlo Ancora Di Te

    E parlo ancora di te
    Che mi succede stasera?
    Ho la mia vita
    Va bene com’è…
    E vivo senza te.
    Se parlo ancora di te
    E’ solo un caso stasera.
    Ho un altro uomo
    Sta ben con me.
    Io vivo senza te.
    E parlo ancora di te,
    ma non succede ogni sera.
    Torna il mio uomo,
    preparo il caffè
    e intanto penso a…
    ho la mia vita
    va bene com’è
    io vivo senza te…

  8. Sai che non la ricordo questa canzone?
    😦
    parliamo però di tanti anni fa ed io ho impressa “piccolo uomo”

  9. beh ma ne ha cantate tante
    quella è stata solo uno sfizio mio
    un mio ricordo
    🙂

  10. ecco, la settimana scorsa prima di questo viaggio per gare ti avevo fatto una domanda, interessato, la risposta è tutta in questo pezzo. Grazie.
    Solo chi ha amato il sacrificio ricorda certi momenti e nota perfettamente quella che si può chiamare “differenza generazionale”.
    Ma, pur apprezzandone l’idea spettacolarizzata e polemizzata, lo stare ore in una palestra, o in un campo con umiltà e attenzione è un’altra cosa.
    Ciao
    Alex

  11. Ale, io sono troppo vecchia …oh mio Dio che cosa ho detto!!!…

  12. brigida: non credo, e semmai io cosa dovrei dire?
    forse, ma non qui, ti parlerò di trascorsi e onorificienze sportive.
    Alex

  13. Eh Ale, l’avevo capito che nel tuo passato c’era la competizione.
    Aspetto notizie

  14. Per le notizie: se vuoi puoi lasciare un indirizzo qui: yakke(chiocciola)hotmail(dot)it.
    Ciao
    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: