Blog

blog1.jpg

Per fortuna non bastano due o tre giri di lavatrice per sbiadire i giorni felici.
Bastano però per rovinare per sempre una maglietta da 70 euro, ma lo sanno tutti ormai che le macchine non hanno colpe; la responsabilità è di chi le usa con approssimazione, come me.
Del resto non ho neppure l’autorizzazione a raccontare dei giorni felici appena trascorsi: qualcuno, se avessi provato a farlo, ha promesso di non parlarmi più.

E va bene… annoterò soltanto la sensazione piacevole di essere stata in compagnia di persone interessanti.
Compagnia: termine vago
Persone: ancora più vago
Interessanti: vaghissimo, quasi inaccettabile.

Per quanto riguarda la maglietta rovinata, ormai è storia… ci ho pianto un po’, ora è nel secchio della spazzatura.

In ogni caso questo post è dedicato a zia Maria, che è la mia prima fan.
Ogni giorno Lucilla sottrae fogli di carta dalle scorte di cancelleria del suo ufficio e ci stampa le pagine del mio blog, poi le porta a sua madre e gliele fa leggere.
Sabato mattina io e Lucilla eravamo in strada, stavamo per salire in macchina, lei, zia Maria, era sul balcone; mi ha detto: “sei bravissima” ed io, per un attimo, mi sono sentita come devono sentirsi gli “amici di Maria De Filippi” quando le signore del pubblico si sperticano in complimenti per loro.

Poi rifletto un po’.
Come si sentirebbe mia madre se sapesse che zia Maria legge il mio blog ogni giorno e che lei invece ne è tagliata fuori?
Uhm… non bene credo.
Fino a poco tempo fa non ne era nemmeno a conoscenza…

Che poi non sono stata io a parlarne a mia madre; un giorno mi ha raccontato di essere stata fermata da un conoscente che mi faceva i complimenti per quello che lei ha chiamato il mio “blo-b-g”, nel quale lui era capitato per caso.
“blog, si dice “blog”-ho sorriso.
Ho chiesto di ringraziarlo se e quando l’avesse rivisto e la conversazione è più o meno finita lì.

Non è così pacifico che chi decide di scrivere su un blog, poi debba essere sportivamente “pronto” a che lo leggano tutti.
Sarà per questo che un sacco di gente non racconta i fatti propri ma si limita a riportare quelli degli altri e lo stesso discorso vale per le sensazioni o le opinioni.

In questo blog non faccio altro che celebrare quella punta di esibizionismo che evidentemente mi anima da non so quando e forse mi esercito ad una certa trasparenza.

Però potrei stancarmi un giorno e quel giorno – ora lo so – a zia Maria darò un grave dispiacere 🙂

Annunci

14 Risposte

  1. Non c’è dubbio che i tuoi post siano bellissimi! 😉 Anche a me ultimamente sta capitando che persone mi facciano i complimenti per il blog, ma sono pur sempre persone virtuali visto che ho lasciato tutto velato da una certà anonimità! 😉

  2. per ora mi sembra che il dispiacere è tuo nel non poter scrivere dei giorni felici

  3. Andrè che fai, metti il dito nella piaga?!? 😉

    silence: mi sembrava che il tuo blog fosse frequentato da persone che ti conoscono personalmente.

  4. è una piaga comune 🙂
    l’ho anche io

  5. Il tuo è uno dei blog più belli della blogosfera!!!! 😀

    un abbraccio forte forte!

  6. @Bri
    Si anche alcune persone che mi conoscono mi fanno i complimenti, ma sai quando sono tuoi amici solitamente il commento è poco oggettivo… xDxD

  7. ed anche a me….cara la mia Brì. 🙂 Vedi di tener duro. Thank’s so much.

  8. Signor qualcuno, la prego sia più indulgente con la Brigida e la lasci raccontare dei giorni felici trascorsi insieme a lei

  9. E brava Zia Maria, baci..

  10. Andrea: ce ne faremo una ragione 🙂

    Laura: ehm… TI VOGLIO BENE!!!

    silence: immagina quello dei parenti allora! 😉

    stef: non ti preoccupare, per ora non mollo :mrgreen:

    Oscar: 😀 fa niente dai!

  11. Chiara: brava si, chi l’avrebbe mai detto 🙂

  12. Daresti un dispiacere anche a me, pur se non ci conosciamo e -forse- non ci conosceremo mai. 😦

    Riguardo a Marco, lo capisco: anche a me darebbe fastidio leggere delle mie intime emozioni riportate al giudizio di perfetti estranei. Comunque una maglietta, anche se costasse 700000 euro, non può valere la lacrima di una persona a cui volessi bene… 😉

    Un abbraccio ficcanaso 🙂

  13. Alberto: mai dire mai! magari ci conosceremo e ci prenderemo in giro di persona prima o poi :mrgreen:

    Poi, Marco non c’entra niente stavolta e nemmeno emozioni chissà quanto intime 🙂
    La maglietta era la mia, me la sono giocata per sempre… L’ho messa in lavatrice e non avrei dovuto 😦

  14. …non ti azzardare a mollare che vengo li a prenderti per un orecchio!!!!

    ciao…
    luca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: