Brucia la città

Eh, ma con buona pace di Irene Grandi non c’è nulla da cantare.
I giornali titolano che il centro-sud è in fiamme? Detto e fatto.
I nostri dolci pendii (che non sono quelli a cui pensava Eros Ramazzotti quando cantava “Più bella cosa”) sono in fiamme da giorni.
Oggi le sirene dei vigili del fuoco hanno risuonato per ore e gli elicotteri hanno volteggiato fino a pochi minuti fa sferzando acqua sui costoni di sterpaglie avvolti dalle lingue di fuoco.

Così le case sono state evacuate e qualcuno è stato ricoverato per un principio di soffocamento.

Ora sembra che la colline abbiano trovato pace e che il fuoco si sia lasciato domare.
Ma non c’è da scherzarci troppo, questo si sa; Quando ha intenzioni serie non c’è acqua che tenga.

Io pensavo soprattutto ai piloti di quei trabiccoli volanti che hanno fatto avanti e indietro per ore, tra l’acqua ed il fuoco.

Non mi va di scommettere su certe cose, ma se mi andasse scommetterei che questi incendi sono dolosi.

Annunci

13 Risposte

  1. Accetterei volentieri la scommessa, il problema è che di solito per sapere se un incendio è doloso o meno bisogna aspettare almeno un paio d´anni, e vedere se costruiscono un condominio

  2. Io invece scommetterei che dove oggi ci sono incendi, domani ci saranno appalti per parcheggi o palazzoni… 😉

    Un abbraccio giàvisto 🙂

  3. e lo sai che irene non mi fà impazzire ,??? e che fà caldo e che gli incendi secondo me,,,sono tutti ( nella maggior parte) dolosi e mossi, da scrupoli criminosi , in un paese che non sà mettere stop ai propri problemi…

  4. e ci sono credo due morti, civili, e un pilota di un canadair caduto nelle marche. Come ho scritto, non si può bruciare le parti intime di chi appicca il fuoco e viene catturato. Ma è inammissibile che poi vengano rimessi in libertà. Proporrei un ergastolo con il lavoro forzato per ripopolare le aree distrutte.

  5. Non dimentichiamoci anche di quelli che appiccano il fuoco per vedere quanto poi ne parlerà il tiggì.
    Forse sono ancora più pericolosi perchè godono del gesto e quindi sono inclini a rifarlo.

  6. Mi chiedo se con tecnologie tipo satelliti militari non sia possibile monitorare il suolo italiano. Costruzioni abusive e successivi condoni, incendi dolosi ed altre cattiverie discorrendo secondo me potrebbero essere risolte altrimenti, in fondo da satellite riescono pure a leggere le targhe delle automobili, credo che con i dovuti sensori sia possibile pure individuare un principio di incendio dovunque, con buona pace pure delle assicurazioni! In fin dei conti, va bene che il territorio è molto esteso ma è pure vero che la automazione fa miracoli al giorno d’oggi, basta volerlo. Buon lavoro! 😉

  7. Quando ho aperto gli occhi questa mattina, le prime parole che ho sentito sono state quelle del giornalista della Rai che raccontava di tutti gli incendi…poi ancora assonnata sono andata da mia madre e le ho detto “Mamma, l’Italia brucia”…ero impressionata come una bambina.
    Mi fa paura il fuoco. E ancora di più quello che c’è dietro.
    Un bacio

  8. certo che sono dolosi, e ci mancherebbe altro. O vogliamo credere alla balla dell’autocombustione, o del mozzicone gettato distrattamente?

    Provate a buttare un mozzicone 100 volte, quante volte si appicca il fuoco?

    Ma è mai possibile che ogni anno, tutti gli anni, si scatenano gli incendi guarda caso sempre nel sud? Ed è mai possibile che ogni anno si stia a fare la solita litania?

  9. quasi sempre sono dolosi o causati da imperizia, stanotte sono stato bloccato in autostrada per un incendio delle sterpaglie al margine della strada. nel caso di peschici sono sconcertato dalla negligenza della protezione civile che doveva informare bagnanti e residenti prima.

  10. L’autocombustione è difficile, ma sul mozzicone gettato a bordo strada dalla macchina o dall’escursionista becero nel bel mezzo del sentiero ci farei più attenzione.
    Il problema grosso, a parte il dolo che ci può stare dietro alla maggioranza di questi gesti, è la totale mancanza di educazione civica.
    Una volta era materia di studio nelle scuole, ora sono convinto che un sacco di gente non sappia neanche cosa sia.
    A tal proposito c’è un commento su Repubblica.it di Giorgio Bocca che mi trova d’accordo: http://www.repubblica.it/2007/06/sezioni/cronaca/incendi/bocca/bocca.html

    Per quanto riguarda la solita litania ti faccio due citazioni:

    – “A noi italiani l’indignazione dura quanto l’orgasmo, poi ci viene sonno.” –
    Marco Paolini da I-TIGI racconto per Ustica

    – Prima pagina venti notizie
    ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
    si costerna, s’indigna, s’impegna
    poi getta la spugna con gran dignità –
    Don Raffaè (Le Nuvole – 1990) – Fabrizio De Andrè

  11. noooooo, non mi dire…dolosi e perchè mai ???? non ho parole…

  12. Qui è lo stesso.

    Tra Ancona e Urbino se ne sono andatii in fumo ettari di colline bellissime…

  13. E tutti quei ragazzi, come teee non hanno niente…
    Ciao Brì!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: