Diario di una fifona

Dormo a due piazze e mi risveglio in un cantuccio. Mi trascino al piano di sotto dove sbrigo le incombenze mattutine già più volte descritte e poi eccomi qua a tremare un po’ dal freddo un po’ alla prospettiva di volare.

Non mi ci vedo otto ore da sola di notte all’aeroporto di Amsterdam. No.
Non mi ci vedo da sola su un aereo e a dirla tutta, ma proprio tutto d’un fiato: non mi vedo su un aereo.

L’ultima volta che ho volato è stato nel 2005, un volo liscio liscio Roma-Milano e ritorno.
Roba che non fai in tempo a decollare che già scendi sulla madunina o sul colosseo a seconda del senso di marcia.
Incontrammo pure Enrico Ghezzi sul volo Milano-Roma: aveva due tomi inquietanti in tedesco sotto il braccio e un sacco di fogli e fogliettini che gli svolazzavano ovunque.
Io non sapevo se chiedergli un autografo o no, che poi sarebbe stato il secondo autografo della mia vita dopo quello di Andrè Agassi di un secolo fa (che forse ho anche venduto a qualcuno in quel periodo buio tra le medie e le superiori).
Alla fine optai per il no… anche per non essere costretta ad alzarmi dal posto al quale mi aggrappavo con le unghie.

Da allora ho sempre evitato di volare. A mio discapito, è ovvio.

Ora non so. Avrei bisogno di un rituale mantra, una preghiera tibetana, un boccione di valium e una pillolina per dimenticare il volo 180 di Final Destination.
Lo dice anche superman in “Superman Returns”, dopo aver adagiato un aereo ridotto a brandelli in un campo da baseball “spero che l’esperienza non vi abbia tolto la voglia di volare, statisticamente resta uno dei modi più sicuri di viaggiare”.

Annunci

23 Risposte

  1. Otto ore all´aeroporto di Hamsterdam sono nulla in confronto al tempo che ci si mette nel cercare questa città sull´atlante

  2. ma che sarà mai ??? su su, fuori un po’ di coraggio dai…

  3. “Final Destination” in realtà dovrè averti tolto la paura di volare, visto che insegna che la Morte, anche la eviti, ti viene a cercare. Comunque su questa rotta non ti seguo: fosse per me, io sarei diventato un pilota militare di caccia! 😛

    Un abbraccio TopGun 🙂

  4. Un po’ ti capisco. Ho volato una sola volta, Milano – Berlino, un’oretta e mezza di viaggio (ci metto quasi di più ad andare al lavoro ogni mattina) e in compagnia. E in realtà più che il volo in se è l’idea dell’aereoporto che trovo ingestibile da sola, forse sarà stato “The Terminal” a condizionarmi?
    Riguardo “Final destination” a me ha messo un’altra paranoia: MAI AVVICINARSI AD UN MONITOR CON DEI LIQUIDI IN MANO!
    Considerando le 10 ore che passo in media davanti al pc ogni giorno lo ritengo un incidente statisticamente più probabile … inquietante!

  5. Oscar: ecco, magari sbagliano pure rotta.

    Cap: ok ok!!! 😥

    Alberto: pure io… di caccia al panino però! 😉

    Norm: ecco, allora è vero, quel film è IL MALE!!! 😦

  6. prendi spunto da “la gabbianella e il gatto” per volare….nella vita!!!
    Un bacio
    Devil

  7. pensa che ho addirittura fatto un volo di 24 ore…io adoro prendere aereo…!!!vedrai che andrà tutto bene..!!

  8. devil: con la gabbianella e il gatto non sai quanto ho pianto…

    titty: ci avrei giurato, una girandolona come te! 🙂

  9. Andrè Agassi? quando era capellone e vestiva come un clown? maddai
    io prendo l’aereo fra un decina di giorni. vedrò di rileggere sto post prima della partenza, LOL

  10. non mi fido delle statistiche…
    un professore di statistica è uno che viaggia in aereo con una bomba, perchè è statisticamente impossibile che ve ne sia un altra…

    ops! forse ho scelto l’esempio sbagliato…..
    😉 goditi il viaggio

  11. benessere: non mi sfottere il mito, capito 😦

    ammiraglio: … ehm…. grazie sai!

  12. Brí, il mio metodo é quello di farmi una specie di testamento, cosí a mente, prima di salire su un’aereo: ogni volta faccio il bilancio della mia vita per capire “a che punto sono” nel caso finisse lí…Puó aiutare eh! 🙂

  13. Paura? Ti capisco…Io ho impiegato tanto per vincerla e realizzare quante cose mi ero persa! Dovresti dispiacerti solo perché lo scalo è in notturna, altrimenti in 8 ore si può fare un giretto in città: è così bella!
    Pensa positivo…e goditi il viaggio! 🙂

  14. Io penso di essere stato la persona che ha più terrore dell’aereo. Poi dopo un po’ di volte la cosa è passata, fino a che un mese fa mi sono fatto Milano-Toronto tutto solo, neanche ci credevo. Direi quindi che l’unico rimedio è la pratica.

  15. ma dove vai di bello? me lo sono perso o sono affarucoli tuoi?! dai, bri, l’aeroporto di amsterdam è molto carino e poi ogni volo può ridursi ad un batter di ciglia..

  16. stai tranquilla Brì…. 🙂

  17. Guressa: testamento? NO GRAZIE!!!

    Anna: infatti… non so che cavolo fare… anche perchè non credo proprio che riuscirò a dormire in aeroporto 😦

    Ponza: mah, a me invece è venuta paura all’improvviso; prima volavo in tutta tranquillità.

    Fede: sono ancora in incognito 😉

    newyorker: ci proviamo 😦

  18. ops…

  19. Hai scritto la più bella presentazione di se che ho letto finora. Mi ha lasciato un po’ sospeso come se mi arrivassero addosso echi lontani del mio passato.
    Sono sicuramente diverso da te, il volo mi affascina ed amo osservare il mondo da un punto elevato.Da lì vedo tutto con una prospettiva migliore.

  20. Coraggio!!!
    Di preghiere non ne so…ma posso consigliarti qualche pillolina hehehe

  21. è interessante pensare a final destination come un film che insegna a non aver paura della morte, anche se mette proprio paura (che per insegnare a non avere paura è un che dire…)
    brigida, comunque, a riguardo di superman, il problema rimane sempre quello che l’incidente in volo non lascia speranza di sopravvivenza
    ops! spero di non contribuire ad aumentare la lista di bisogni per volare 🙂

  22. Ti parlo come un “compagno di fifa”, anche perchè se dovevamo volare avremmo avuto due belle ali d’angelo sulal schiena, quando devo prendere un aereo cerco di pensare solo al momento che ritiro i bagagli all’aereoporto di destinazione e evito accuratamente notizie e film che parlino di catastofi… certo che una pillonina aiuta 😉
    Buon volo!

  23. oltre a final destination, Lost non l’hai mai visto!!?? :mrgreen:

    su coraggio, si scherza!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: