grandi spazi

Il nuovo computer di Marco, fresco di silicon valley, va che e’ una meraviglia.
Io invece comincio ad accusare il colpo della lontananza da casa e dei chilometri macinati in lungo ed in largo qui in California.

Del resto so bene che quando finira’ – e non manca molto – questo viaggio mi manchera’ da morire.

Negli ultimi giorni ci e’ capitato di conoscere molta gente interessante: Un danese trapiantato in Colorado, un keniota che lavora nel marketing della Tamoil, un dottore che e’ un guru della tecnica del rilassamento.

Ieri sera pero’ abbaimo fatto l’esperienza piu’ interessante prche’ siamo andati a cena dalla sorella di Sarah e abbiamo assaporato il gusto della sua famiglia multiculturale.

Lei e’ una donna dolce, sensibile, gentile e non so come faccia ad tirare su tre bambini, avere una casa come la casa che ha e studiare architettura di interni al college.

Suo marito ha l’accento francese e parla questo americano velocissimo con la erre moscia e ogni tanto perdi il filo di quello che dice pensando al suo appartamento parigino con terrazza panoramica.

E’ ingegnere, ma se la cava anche da muratore considerando il lavoro che ha fatto per ristrutturare casa loro.

Abbiamo bevuto un liquore francese assaporando tartine alle olive e polpette tailandesi.
A cena riso cn pollo all’arancia ed una particolare torta alle mele servita con la panna liquida sopra.

Cio’ che mi colpisce dell’America e’ qualcosa di indefinibile perche’ le parole sono approssimative.

Vorrei parlare di grandezza o ampiezza, qualcosa che fa pensare alla liberta’ piu’ che in qualsiasi altra parte del mondo anche se, si sa bene, non e’ che una sensazione.

Ma il fatto di veder volare insieme falchi e aquile e anatre e gabbiani metre decine di aerei decollano e atterrano dai tre aeroporti nella baia di San Francisco, beh, regala un senso di stupore e di ottimismo per le infinite possibilita’ che la vita si riserva di dare.

Annunci

7 Risposte

  1. del Zinfandel nemmeno l´ombra?

  2. goditi gli ultimo giorni..!!!

  3. Bhè…credo che finora sia valsa davvero la pena sfidare la tua para di volare,no?
    Bacio dall’Italia e dalla ciociaria che ti aspetta!

  4. Ricordati la cartolinaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! 😛

    Un abbraccio superinvidioso!!! 🙂

  5. -veder volare insieme falchi e aquile e anatre e gabbiani metre decine di aerei decollano e atterrano dai tre aeroporti nella baia di San Francisco…-
    immagine suggestiva..! 🙂

  6. e magari al tramonto!!!

  7. Mitica, deve essere spettacolare fare un giro da codeste parti dove ti trovi adesso… un po’ ti invidio, anzi, parecchio! Buona permanenza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: