Andata ci ritorno

 treno.jpg

A mezzogiorno e qualche minuto io sono già seduta su una lurida panchina della stazione Termini alle prese col mio panino che sa di carta pesta e le patatine troppo salate. Una fogliolina di lattuga mi finisce sopra ai jeans, con un morso sbilancio la farcitura di maionese e rischio una ecatombe.

Non mangio da ieri sera, stanotte ho dormito poco, adesso ho una fame che non ci vedo.

Ho pregato non sai quanto per non incontrare nessuno in treno stamattina, qualcuno lassù mi ha ascoltata ed ho potuto abbandonarmi ad un sonno epico da Frosinone a Ciampino… che meraviglia.

Le foglie di lattuga mi precipitano sul cappotto e ho la salsa rosa che mi cola dal mento.

Ripenso a quel distinto signore che seduto davanti a me in treno non ha smesso un secondo di parlare al suo vicino da quando è salito fino al momento in cui è sceso.

Il risparmio energetico è un argomento interessante, ma non mentre si cerca di dormire e ogni tanto ho pensato di prenderlo a giornalate in faccia.

Su La Repubblica c’è un bell’articolo che parla del Tenente Colombo.

Continuo la battaglia con la lattuga e cerco di finire il panino prima che l’hamburger mi cada sugli stivali scamosciati. Si chiama fast food perché se non lo mangi in fretta finisce che lo perdi per sempre sul pavimento.

Una patatina l’ho già persa.

La gente mi passa davanti, il treno è arrivato e io provo a scroccare una connessione.
Macchè, niente da fare, c’è la password…

Dio, quanto vorrei un dolce! Ora torno a casa e faccio fuori tutto quello che ho.

Ora torno a casa? Ma se mi ci vorranno quasi due ore.

Ho finito il panino ma ho buttato metà delle patatine. Non me ne frega niente delle calorie; ciò che pesava più di tutto nel sacchetto a portar via era la mappata di tovaglioli di carta di cui l’inserviente previdente per fortuna mi aveva rifornita.

Il treno parte, credo sia in orario.
Bene, almeno ora ho la speranza di arrivare prima o poi.

E poi domani la storia sarà la stessa, più o meno.

Annunci

5 Risposte

  1. ed oggi ci siamo sfiorati quasi allora …:)

  2. benvenutaaaaa :)))

  3. Come mai vieni così spesso a roma?

  4. La salsa rosa che cola dal mento? roba da mandare Tinto Brass a nascondersi

  5. allora fai il viaggio con Patricia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: