Dormire 2

Come ieri, più di ieri. Solo che stanotte mi sono svegliata cento volte: pioveva, i tuoni, i fulmini, il vento e io.

Ho sognato di avere un caminetto in camera da letto; un caminetto dal quale usciva una siepe di arbusti.Ho sognato anche papà, come non l’avevo mai sognato prima, ma non so descrivere come, anche se forse dovrei almeno provarci per non dimenticare.

Giacca chiara, camicia, cercava la macchina. Sembrava stesse uscendo per andare al lavoro,ma non eravamo a casa nostra, eravamo da Marco. Mamma innaffiava il prato, io guardavo la scena oltre il cancello. Poi lui si avvicinava a me e mi sorrideva.

Poi stamattina leggo della presentazione del libro a cui hanno partecipato Fini e veltroni, un libro sul rogo di Primavalle.

Ultimamente mi sono appassionata ai delitti di ideologia e di complotto politico. Dopo aver letto il libro su Moro scritto dal magistrato che indagò sul caso, ora sto leggendo quello di Anna Laura Braghetti, interessante perchè non è solo un diario sul sequestro Moro, ma anche un racconto su come una ragazza qualsiasi diventa una brigatista. A sprazzi compare anche il carcere di massima sicurezza di Voghera e lì si capisce cosa vuol dire “galera”.

Ieri ho chiesto a mia madre dove fossero lei e papà il giorno in cui Moro venne rapito e quale fu la reazione di mio padre.

Le ho chiesto ma sapevo già, lui stesso mi aveva parlato spesso di quei giorni e di cosa ne pensasse. Però non posso fare a meno di chiedermi cosa sarebbe stato mio padre se non fosse vissuto qui, ma in un quartiere popolare di Roma. Forse anche lui avrebbe abbracciato il sogno della rivoluzione? Forse no.

Dormire, dormire, dormire…

Annunci

6 Risposte

  1. Ciao Brigida, avendo letto che ti sei appassionata ai delitti di ideologia e di complotto politico e visto che pure io ho (soprattutto nel passato) questa passione, volevo consigliarti un paio di titoli (magari li conoscerai già):

    Un classico, anche se un po’ datato è
    La notte della Repubblica – Sergio Zavoli
    Libro scritto in seguito ad un’inchiesta di Zavoli dalla quale scaturirono una serie di puntate trasmesse in televisione nei primi anni ’90. È stato la trasmissione che ha innescato questa mia passione rivelandomi trame di cui non immaginavo neppure lontanamente l’esistenza.

    Che cosa sono le BR di Giovanni Fasanella, Alberto Franceschini
    In questo libro si trova forse il primo caso di ammissione da parte di un ex-BR di possibili infiltrazioni e influenze esterne nelle BR. Molto interessante l’ipotesi sul Superclan

    Infine un romanzo: Romanzo criminale di Giancarlo De Cataldo

    Saluti

  2. PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

    Bizzarro e variegato il tuo lato onirico!! 😉

    Tuo padre nella revolution?? Uhm, penso proprio di sì, in fondo che male c’è? 🙂

    Ciao Brì! ^^

  3. Dioniso: Grazie mille per i titoli che mi hai segnalato. Ho un sacco di tempo per leggere, ma ti confesso che su queste cose più ci leggo sopra e meno capisco. E’ un mondo, quello degli anni di piombo, che mi pare di non riconoscere.

    Pierfrancesco: la rivoluzione come volevano farla le brigate rosse? qualche male c’è… Però non posso fare a meno di pensare che mio padre, pur finendo vicino a quegli ambienti, si sarebbe tenuto lontano dalle frange violente.

  4. Prego.
    Sì, ci sono degli intrighi che vanno anche oltre l’immaginazione di un romanziere.
    Se non l’hai ancora letto ti consigli vivamente Romanzo criminale. Oltre ad essere un romanzo avvincente e ben scritto riporta abbastanza fedelmente molti degli eventi e delle trame degli anni di piombo ed aiuta molto a capire.
    Ovviamente, essendo un romanzo, ci sono anche delle interpretazioni e delle aggiunte di De Cataldo.

    Un’altro romanzo simile è Confine di Stato di Simone Sarasso:

    http://www.marsilioeditori.it/schedalibro.htm?codice7=3179249

    Mi sono appena accorto che l’autore ha pure un blog:

    http://confinedistato.blogspot.com/

  5. ALT!! Non intendevo ‘rivoluzione violenta’, sia ben chiaro! 🙂

    Buona giornata Brì. ^^

  6. “Romanzo criminale”, che Dioniso ti ha premurosamente segnalato, è la ricostruzione romanzata della “banda della magliana”: un libro ben scritto ma poco documentato sugli anni di piombo nel loro complesso, secondo me.

    Allora meglio “formidabili quegli anni” di Mario Capanna.
    Sicuramente più fazioso, ma anche più storicamente completo. 😉

    Un abbraccio recensore 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: