sempre meglio

Avevo scritto un post molto lungo sulla giornata strana appena trascorsa, iniziata come inizia ogni giornata quando di notte si è pianto nel sonno.

Avevo scritto un post lungo e sibillino su vecchie paure ritrovate, antiche insicurezze sopite e restituite alla luce, una tediosa rassegna sui malesseri e i dolori di noi nuovi giovani Werther.

Invece avevo solo voglia di dire che ho sognato i miei colleghi stanotte e ho sfogato nel sogno, con il pianto, tutta l’ansia che nutro nei loro confronti, nei confronti di loro come gruppo, come minaccia, come attori nel mio film.

Niente di grave, ma qualcosa di infinitamente utile a me.

Oggi ne so più di ieri e ho già cominciato a crescere, si vede.

Domani sarà ancora meglio, perché quando guardi in faccia la tua paura e le sorridi, l’hai già colpita a morte.

Annunci

3 Risposte

  1. Non puoi colpire a morte chi ha già colpito…la morte riaffiora nel tuo silenzio generando le Loro paure…nel buio…ieri le Tue, ciao Salvatore, splendida giornata di sole!

  2. oppure quando vai a letto dopo aver pianto ti alzi con una sensazione strana..!!!!boh passerà..!!!

  3. Scusa se commento meno, Brì.
    Tornerò presto alle vecchie abitudini, spero. 😉

    Un abbraccio tormentato 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: