Ma che senso ha?

 

Io non so quando esattamente, forse tornando a piedi da scuola o forse ci sono nata con l’amore per il cammino, ma ho capito che mettere un piede davanti all’altro e arrivare così, veloce o piano da qualche parte, è una delle cose più belle che possano esistere.

 

Quando si cammina c’è tempo di prendere tempo.

 

Quando si cammina si ha la percezione chiara e netta che il mondo non è una massa immobile di terra ma che esiste un movimento perpetuo che  ci culla di sottecchi.

Dopo aver camminato per chilometri e chiudi gli occhi, lo senti il mondo che si muove ancora sotto i piedi.

 

Camminando, camminando e camminando si ritrova quella sintonia un po’ sopita nei millenni tra corpo umano e natura, tra mente e atmosfera e tempo e distanza.

Camminare è un luccichio di sensazioni che vanno dal dolce all’amaro, dal caldo al freddo con sofferenza ed esaltazione.

 

E’ per questo che non perdo occasione per camminare, è per questo che ogni volta che intraprendo un cammino poi non lo dimentico.

 

A un anno e qualche spicciolo di tempo dal cammino di Santiago, qualche giorno fa parto per il santuario della Santissima Trinità, naturalmente a piedi.

 

Erano mesi che se ne parlava ed io, reduce dal cammino francese di 800 km non avevo timore di affrontare un percorso di 100 km scarsi, eppure l’incognita esiste sempre e si insinua malvagia nel cuore dell’uomo, figurarsi nel mio che non è coraggioso nemmeno un po’.

Avevo cominciato a considerare che il mio massimo durante il cammino erano stati 47 chilometri e che 55 tutti insieme forse sarebbero stati fatali. Ascoltavo gli amici preoccuparsi di fiato, resistenza, muscoli, testa, cuore, animo e cervello e pensavo tra me e me che non sono provvista di risorse eccezionali in nessun settore tra quelli sopraccitati.

 

Così ho temuto il peggio anche io.

 

Poi ho ricordato la sana incoscienza che mi aveva guidata in Spagna e  ho pensato solo ad andare.

 

Sveglia alle quattro del mattino con 3 ore di sonno scarse sulle spalle. Uno zainetto, una borraccia, ancora un po’ d’acqua e gambe pronte.

Qualcuno già aspettava sul luogo dell’appuntamento, qualcuno arrivava, gli altri si facevano aspettare e sempre insieme a noi quella domanda che si poneva Angela già da qualche giorno: “ma che senso ha?”

Domanda a cui, lo dico subito, nessuno di noi ha saputo dare una risposta.

 

Le prime ore  del mattino rendono piacevole qualsiasi occupazione e freschi, entusiasti e vigorosi siamo tutti arrivati a Isola per la colazione.

Il primo test era superato quindi.

 

Ripartire è un po’ morire per i muscoli, destinazione Sora dove ci aspettava pizza, acqua fresca e ombra.

Angela e Silvia aggiornavano facebook, io cercavo di capire come mi sentivo… così come facevano tutti credo.

 

Poi il caldo ha cominciato a salire sulla pelle.

Michele andava avanti con Vincenzo, noi subito dietro e poi insieme fino a Balsorano. Poco prima di arrivare nel posto fissato per mangiare abbiamo incontrato una fontana. Ne avevamo incontrate altre e molte altre ne avremmo incontrate poi, ma nessuna con un’acqua così fresca e dolce.

 

Il pranzo, buono e leggero aveva portato con sé anche il sonno e fatto affiorare un po’ di stanchezza, ma non c’era tempo per lamentarsi o per pensare, bisognava camminare contro il caldo, contro la lunghezza del percorso, contro i cattivi pensieri di ogni giorno.

 

Con Elisa, passo dopo passo, cercavamo cose belle a cui aggrapparci per andare avanti: qualche battuta, qualche ricordo, un po’ di speranza.

 

Poi all’improvviso un ghiacciolo alla menta… anzi due e le gambe hanno cominciato a carburare e ad andare come locomotive a vapore, sbuffando e scalpitando, ma senza fermarsi mai.

 

Angela, Silvia, Antonio e Rocco erano davanti a me, dopo poco li ho raggiunti e arrivare a Civitella con loro 4 è stato uno spasso. Si punzecchiavano e si spronavano affinché il cammino risultasse meno duro e si rideva tanto chiedendosi sempre e comunque “ma che senso ha?”

 

La pensione era lì, un letto quindi e una doccia soprattutto. Con un sincronismo perfetto anche Emanuele e Marco arrivavano con i nostri bagagli e così ho tolto le scarpe finalmente!

 

Iniziava la lenta conta delle vesciche, Roberto bucava, incideva, drenava e noi tutti lì a chiederci sempre la stessa cosa: “ma che senso ha?”

 

Arrivava il buio e quel letto da dividere con Elisa diventava sempre più grande e morbido poi nel cuore della notte dopo i fuochi d’artificio e gli sghignazzi degli assessori al piano di sotto ecco la telefonata del presidente del consiglio “Cala che brindiamo!” Io dormivo già e volevo solo continuare a riposare… l’indomani sarebbe stata una lunga giornata per noi che avremmo camminato.

 

La scalata al santuario è cominciata alle 5.35. Io e Federica abbiamo ingranato la quinta chiacchierando di università, del terremoto, di paesini senz’anima e di lupi lontani.

Più tardi si è avvicinato il gruppo di Mario, luigi, Francesco, Elisa e Jaqueline. Abbiamo camminato tanto e forte, salita dopo discesa, asfalto dopo sabbia e pietra dopo pietra.

Ci siamo fermati di tanto in tanto senza mai raffreddarci troppo, abbiamo bevuto litri d’acqua e il sole ci ha scottato la pelle. La montagna del bosco mi ha uccisa, su quelle foglie scivolavo troppo, e odiavo ogni ramo che mi si spezzava sotto i piedi.

 

Dal basso vedevo gli altri salire e speravo che non mi aspettassero. In pianura recuperavo energia ed entusiasmo, poi di nuovo la salita, il bosco, il cuore che cede pensando alla solitudine di certi luoghi che sembrano l’anima della gente quando si è tristi. La mia anima spesso somiglia ad un bosco.

 

Federica proponeva: “devi tagliare il traguardo”, Mario insisteva: “l’amministrazione comunale è qui” e io che pensavo solo ad arrivare perché non è mai detta l’ultima.

Ogni tanto sentivo un fastidio al mio solito ginocchio, poi speravo che i piedi non mi tradissero con una storta, per il resto tutto bene.

 

Questa ti giuro che è l’ultima dice Elisa affrontando una salita ripidissima.

 

Era l’ultima, si.

 

Mi siedo sul muretto, bevo 10 bicchieri d’acqua, mangio biscotti, faccio un po’ di silenzio.

 

Riposo

 

Riposo anche mentre Amatuccio grida che “ci vogliono i cavalli da corsa!!!”

 

La visita al santuario con le gambe e la faccia ancora pieni di polvere, poi l’acqua fresca delle fontane passata e ripassata sul viso per lavare via la stanchezza e tutte le cose che si pensano appena ci si ferma un attimo nella vita.

 

La messa, la lenta risalita, l’incontro con gli altri appena arrivati e gli abbracci.

 

Poi un prato, un albero grande con l’ombra ancora più grande e tante, davvero tante cose da mangiare.

Gabriele mi guarda stupito e felice… quanta roba!

 

Avrei voluto dormire ma bisognava ancora smaltire un po’ di altitudine e adrenalina.

Il sonno è arrivato in macchina, poco prima di arrivare a casa e chiudere la porta su questo splendido cammino.

Scrivo oggi chiedendomi, ancora, ma che senso ha?

Forse nessuno, ma vale la pena farlo.

 

 

Annunci

4 Risposte

  1. Bel racconto!

    Che invidia! Noi quest’anno non siamo riusciti a venire.
    Se t’interessa qui

    http://dionisoo.blogspot.com/2008/08/arce-vallepietra-primo-giorno.html

    e qui

    http://dionisoo.blogspot.com/2008/08/arce-vallepietra-secondo-giorno.html

    potrai troverare i fotoracconti della camminata del 2008.

    Saluti teutonici

  2. Avendo parenti e moltissimi amici fondatori di quello che diversi anni fa era simpaticamente chiamato gruppo “polipocosportivo n’do iate” posso dire che col pellegrinaggio al santuario della Santissima Trinità mi sono fatta una vera e propria cultura 😀
    Dopo tutti questi anni, ho capito che in questo pellegrinaggio non vanno ricercati i sensi, ma vanno colti i “quindi”. Non va ricercato il “perchè parto”, ma va capito cosa muove un passo dietro l’altro, va ricercato il durante da approfondire nel dopo.
    Il pellegrinaggio verso la Santissima Trinità è un patto con se stessi, con i proprio pensieri, con la natura Madre e Padrona. E’ un patto con quel filo invisibile che lega le cose del mondo e le muove come burattini inconsapevoli. E’ un patto con quel “credo, non credo, forse credo, sì io credo” che ti spalanca il cuore come un tronco colto da fulmine quando arrivi a destinazione e vedi quello che vedi, che non voglio dire a chi non ha mai visto.
    Purtroppo mi rammarico del fatto che troppo spesso ultimamente vedo che questo stupendo pellegrinaggio non è più un percorso di riflessione ma per molti è diventata una gara, l’ambizione a correre verso un’invisibile traguardo, una competizione. Quanto spesso ho sentito dalla testa del gruppo dire al resto dei partecipanti: “Vi stiamo aspettando da un’ora” e mi rammarico.
    Non è quello lo spirito.
    Se proprio dobbiamo cercare un senso, non è quello il senso…

  3. Ps: l’anno prossimo parteciperò anch’io attivamente al pellegrinaggio. Sperando di portare a termine tutti e 95 i km. Dovevo esserci anche quest’anno ma qualche imprevisto me lo ha impedito. Come te, anche io amo camminare. Ti rimando al mio post del 26 luglio, al riguardo, sul mio blog.
    Bacio.

  4. Facciamo spesso cose senza senso.
    La fede è una forza senza un appiglio in questa vita, ma forse è la reminiscenza di quello che siamo nell’anima.

    Non so.

    Anche io vorrei fare un pellegrinaggio così e sentire dentro di me “che senso ha”.

    Un abbraccio mistico 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: