i giorni della memoria

Ballata per la figlia del macellaio, che bello… c’è poco altro da dire.

Non perché domani mi sveglio prestissimo e dovrei dormire e non perché la batteria del portatile si sta esaurendo, ma perché le mie parole sono superflue quando il libro ha già detto tutto con così tanta magia.

Se volessi aggiungere qualcosa – e in effetti muoio dalla voglia – potrei solo dire che è un libro sulla predestinazione.

Tutto ciò mi lascia perplessa perchè ultimamente, a cominciare dalla scrittura asciutta e seduttiva di Roth fino a quest’ultima meraviglia, passando persino per bastardi senza gloria, sto incappando in tante bellissime storie “ebree” una dopo l’altra. Poco fa, come per incanto è arrivato un messaggio di risposta ad un mio articolo di 2 anni fa su Chagall. Insomma, proprio  mentre  pensavo di scrivere di queste coincidenze, ecco che arriva un nuovo segno.

Di chi mai sarà il dipinto che è la copertina di “ballata per la figlia del macellaio” se non di Chagall?

Il giorno della memoria si sta avvicinando.

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: