Archive for dicembre 2010

le pecore del mio presepe sono morte
dicembre 26, 2010

Natale è già passato, questa è la verità… Tutta la frenesia, il fuggi fuggi generale, i sogni e le illusioni, persino le riflessioni e i regali, i pensierini, i bigliettini, i brillantini, gli addobbi, il nonsochè, le luci, le messe, la neve che non c’è mai, il presepe, l’albero, le renne, i cenoni e i pranzi,le tombolate e gli scoponi, insomma tutto questo per 24 misere ore in cui è ufficialmente Natale. Oggi le pecore del mio presepe sono morte, è tutto finito, persino la roba da mangiare e da bere. Non c’è più niente. Ci siamo noi con le pance piene e il sorriso spento, ma almeno noi ci siamo ancora e cominciamo da subito a pensare al prossimo Natale… che tanto è un attimo

male ma…
dicembre 6, 2010

Io quando sto male ho voglia di tre cose: cioccolata, non pensare e… cioccolata. Ma a volte mi fa bene anche scrivere.

Sono state settimane difficili e continueranno tempi duri ma sono viva, lo sento da come soffro, lo capisco dalla voglia che ho di stare bene. Lo avverto anche nei ricordi che quando fa freddo ed è buio per tanto tempo si moltiplicano a grappoli.

Un tè alla feltrinelli con un basco sulla testa, le bucce di castagne sul pavimento intorno al caminetto.

Sono viva nell’attenzione persistente alle cose da fare che sono sempre di più rispetto a quelle già fatte, sono viva e lo so, perchè mi chiedo fino a quando.

Ci sono cose che non mi spiego, quindi sono viva e mi indigno e non mi piace, quindi sono viva,

Voglio una vacanza – ora – quindi sono stanca e… sono viva.