Gianfri c’è posta per te

Caro Gianfri ti scrivo così mi distraggo un po’ e siccome sei molto lontano più forte ti scriverò.

———————-

Caro Gianfri, figlio di cotanto papi, eccoci qua.

Qualche giorno fa mi hai detto che un tempo mi osservavi camminare sulla casilina domandandoti chi mai fossi.

Camminavo da sola, hai detto, come una folle, hai aggiunto e questo mi ha fatto pensare un po’.

Sai a cosa ho pensato? a quanto mi sentivo bene quando uscivo di casa da sola per andare a camminare, senza nessun problema.

Non è un problema essere soli, è solo una scusa per non andare. Una scusa che adesso adotto molto spesso e la mancanza di quella “follia” la sento tanto, io la chiamavo libertà, la avvertivo come tale e oggi, che in qualche modo e per qualche ragione l’ho persa, la riconosco per quello che era. Una cosa importante.

Così un paio di giorni fa ho preparato la borsa della palestra e invece di andarci con la macchina ci sono andata a piedi… o almeno ci ho provato (poi ho incontrato marzillotto, ci siamo messi a parlare, ho fatto tardi e mi sono fatta accompagnare da lui).

Anche se non sono andata lontano, mentre camminavo mi sentivo del tutto a mio agio, camminare da sola, dopo tanto, mi ha ricordato che il mio elemento è il cammino. Ho ricordato Santiago e  ho ricordato il perché della mia partenza.

Camminare da soli Gianfri è una splendida follia!

Gianfri, tutta questa serietà non è da noi.

Spero che tu sia stato bene oggi anche se il primo maggio è una festa così proletaria per uno di classe superiore come te, in ogni caso non disdegni salsicce e porchetta quindi magari una scampagnata te la sarai fatta pure tu magari.

Io no. E’ stato il compleanno di mio zio, abbiamo mangiato vicino casa tua… hai capito dove?… Bene, lì.

Marco ha preferito la compagnia degli sbrafanti… errore che gli sarà fatale… Il bello è che ne è consapevole e ciò nonostante non ha potuto fare a meno di darmi buca. Incredibile no?

Caro Gianfri, parliamone serenamente di questi tanti, troppi difetti che avete voi uomini. Diciamolo una volta per tutte: il pene fa difetto!

Sto trascendendo quindi ti saluto.

Non è granché ma almeno ti ho degnato di considerazione e credo, anzi sono certa che me ne renderai grazie in eterno.

Ci vediamo domani al comune!

Advertisements

Una Risposta

  1. Grazie Brigy…….da oggi anche io nel tuo blog 🙂 !!!!!! che onore 🙂 !!!!! ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: