E davvero, non mi andrebbe di scrivere di dolore, ma in una giornata così non si può fare altro.

Il dolore ci trova, avviene per contagio. Succede, ci succede, lo ereditiamo e lo viviamo per nascita. E’ liquido e si infiltra in ogni più caparbia fibra umana.

E’ tessuto che avvolge e soffoca, è voce che sussurra e che poi grida. E’ cibo che nutre, acqua che disseta.

E davvero, non mi andrebbe di scrivere di dolore, ma in una giornata così non si può fare altro.

Il dolore è un vento che sfiora o che taglia è un profumo che arriva da qualche punto imprecisato del cielo o della terra.

Ed è strano davvero ritrovarsi a piangere per qualcuno che non si conosce nemmeno, ma il dolore è un ospite che si accomoda dove più gli piace e dove gli si addice.

 

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: