Perugeide

 

Forse sarà sbagliato,  è sbagliato, ma tutto sommato sapere che due ragazzi giovani sono liberi e non marciranno per tutta la vita in una cella non mi dispiace. Non mi dispiace a prescindere da tutti i dubbi e le orribili incongruenze che lascia questa singolare vicenda giudiziaria, la quale ha rivelato alla ribalta mondiale come si applichi la giustizia in Italia, quali meccanismi farraginosi e improbabili adotti, quali siano i suoi tempi e come si adatti alle sue soluzioni.

E’ sicuramente doloroso che rimanga soltanto una mezza verità da raccontare, da sapere, da conoscere, che i parenti di Meredith – almeno per ora – debbano accontentarsi della storia dell’uomo nero (Guedè), che ha concorso in un omicidio che non si sa chi ha commesso.

Sono passati quattro anni e non ci ha capito niente nessuno. Una storia talmente complicata che nessuno voleva pensarci davvero. Tutti questi ragazzi stranieri e la droga e la bellezza angelica di quella Amanda che è sempre stata protagonista, nelle bugie, nei primi piani, nei pensieri di tutti (farà l’attrice? Sta completando gli studi? Ha un nuovo amore?) e nel compiacimento di trovarla diabolica nella sua incrollabile ostinazione.

E’ libera (come aveva profetizzato Albano), sono liberi con Raffaele Sollecito, loro e il loro amore passato, finito, lontano, rimasto intrappolato tra le mura di quell’appartamento in cui in un attimo tutto è cambiato.

Non lo so, sarà sbagliato, ma provo sollievo a pensarli così: lui in Puglia che esce di notte, da solo, arriva sulla spiaggia e si toglie le scarpe per mettere i piedi in acqua, la sente fredda come la paura, ma pura come il perdono.

Lei ritorna nel suo quartiere americano, nella sua comunità americana, nella sua casa di legno americana e dalla finestra della sua stanza americana, dove era stata una bambina con molti sogni e si ritrova donna con una vita alle spalle, guarda il cielo che la separa dall’altra parte del mondo dove ha lasciato l’innocenza.

Mi piace pensare che abbiano una seconda possibilità, almeno loro.

Sarà sbagliato, forse lo è.

Advertisements

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: