Gente di mare

Immagine

Sai, questa storia di inchini, talmente profondi da far affondare una nave, questa storia di lupi (di mare) e di agnelli, questa storia di bracci di ferro tra sete di giustizia e golosità da consumatore di storie da talk show mi ha resa riflessiva. Più del solito intendo.

Ho cominciato subito a identificarmi con lo sfigato che ha fatto quel gran casino. E’ più forte di me, io mi identifico sempre con lo sfigato di turno, col cazzone di turno. E non perché sono un’imprudente, come forse è stato Schettino, ma perché sono distratta e spesso faccio errori di valutazione, con la gente, nelle situazioni, persino nei sogni.

Allora ho pensato: cazzo, quest’uomo questa manovra deve averla fatta altre volte e gli è sempre andata bene, ma quella volta lì no. A dirla tutta forse la manovra non l’ha nemmeno fatta lui, chissà. Poi, cialtroneria per cialtroneria, non ha capito o voluto capire quanto la cosa fosse seria e ha perso tempo, ha cincischiato, alla fine sono morte 10, 11 persone, non so, non sto seguendo. Però purtroppo la sensazione che ho è che c’è uno Schettino in me anche se non è detto che ci sia una me in Schettino.

Il punto è che non riesco a condannare quest’uomo che giudico un cazzone e un vile e al quale non trovo nessuna attenuante e nemmeno ci provo, ma non lo condanno perché io non riesco a vedermi tanto diversa da lui.

Non lo posso sapere, non sono il capitano di una nave e probabilmente non sarò mai capitano di niente ma forse al suo posto me la sarei data a gambe anche io in preda alla disperazione e alla fifa e invidio nella maniera più totale chi è certo che si sarebbe comportato diversamente.

E, non so, a guardarsi intorno sembra pieno così di gente che è sicura di non aver niente a che fare con Schettino, felice di sputargli addosso disprezzo e derisione, talmente tanta che forse Schettino… e magari anche io, siamo alieni finiti per sbaglio in un mondo di gente figa, per cui la serietà è un valore assoluto e, figuriamoci, anche l’onestà.

Insomma, devo aver sognato e fatto un errore di valutazione quando ho creduto di trovarmi in mezzo a gente che evade le tasse, che protegge i mafiosi, che elegge (a oltranza) politici corrotti e che abbandona i propri vecchi negli ospizi (tanto per dirne una).

E quindi ecco, io e Schettino ci troviamo un po’ spaesati e stupiti e ammirati e io sono un po’ malinconica perché ho il rimpianto di non aver mai conosciuto un eroe anche se, evidentemente, doveva essere molto più semplice di quanto credessi.

Advertisements

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: