L’allenatore nel pallone

Immagine

Da un paio di giorni non si parla d’altro, l’allenatore della fiorentina Delio Rossi che ha preso a pugni uno dei suoi calciatori, Adem Ljajic, non si capisce bene perché e sui social network i miei contatti che più amano il calcio e più vicini al mondo delle tifoserie non hanno dubbi: sono tutti schierati a favore dell’allenatore.

Pare che il calciatore dal nome impronunciabile avesse apostrofato malamente l’allenatore, sul web sono nate vere e proprie leggende su cosa avrebbe detto il serbo, frasi apparentemente davvero troppo lunghe per essere vere su un figlio handicappato (che a quanto pare Delio Rossi nemmeno avrebbe) o sull’immancabile mamma che a toccarla, lo sanno tutti, si rischia la morte. La mamma, nella scala degli insulti è in cima a qualsiasi classifica, segue con poco scarto anche la sorella (ricordare la testata di Zidane a Materazzi). 

Si, L’allenatore c’è, esiste, proprio per dirti cosa fare o non fare, decidere se devi o non devi giocare e per questa figura si esige rispetto almeno se non proprio simbiosi, tanto più che generalmente si tratta di una persona più anziana ed esperta di te.

Ma proprio perché dall’altra parte c’è un ragazzino, poco più che ventenne, forse è il caso di non dare peso a quello che dice, di non metterti al suo livello.

Infatti Rossi pagherà per il suo gesto, ha sbagliato.

La solidarietà che gli arriva però significa qualcosa di più, qualcosa che va oltre il personale e la vicenda particolare, si tratta di un’insofferenza ormai manifesta verso un mondo, quello del calcio, sporcato da gente senza scrupoli che non sente appartenenza alla squadra, al gioco, a niente se non al denaro. “Ragazzini viziati” dicono i tifosi, “mercenari” li chiamano le curve che non hanno rispetto, che non danno amore, che non corrispondono quel sentimento forte che ci si aspetta da chi veste i colori di una maglia…

 

Advertisements

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: