modalita’ cammino
agosto 18, 2008

Il cammino e’ finito. Ieri.

Sono arrivata a Santiago verso le nove, con calma. In piazza c’era pochissima gente, l’aria profumava di cafe’ con leche e di cornetti caldi.

Ho pensato a come entrare a Santiago, se da sola, con altra gente o cosi’, come capitava.

Alla fine ho aspettato Mattia, ci siamo fatti l’ultima tappa insieme, abbiamo comprato la colazione e siamo entrati a Santiago molto rumorosamente.

Lui continuava a battere il suo bordone a terra evocando un certo Pablo, amico suo.

Io pensavo ai chilometri che avevo sotto le scarpe e pensavo che quella piazza, quella piazza era mia.

Abbiamo preso la compostella, siamo andati a trovare un posto dove dormire e poi abbiamo visitato la cattedrale.

Nel frattempo la gente continuava ad arrivare ed erano abbracci e sorrisi tra tutti.

Oggi sono andata a finisterra con l’autobus: tre ore ad andare e tre ore a tornare… non ero piu’ abituata a tanto ozio.

Domani mi mettero’ ad aspettare, qualcuno che conosco arrivera’ e non vedo l’ora di dargli il benvenuto.

Poi tornero’ a casa e provero’ a digerire questo mese con equilibrio, stando attenta a chi mi sara’ vicino, perche’ mi ci vorra’ un po’ per riassestarmi su una modalita’ diversa.

Annunci