Yo tambien
maggio 25, 2011

Luca mi prende in giro, dice che non ne può più di sentirmi parlare del cammino di Santiago e invece c’è qualcuno che mi conosce che neppure ancora lo sapeva che avessi fatto il cammino. Ieri mattina avevo accennato a Valentina del cammino credendo che sapesse della mia avventura di tre anni fa e invece ne è stata sorpresa e ha voluto sapere tutto.

Naturalmente sono stata felice e sono felice che non tutti siano come Luca….

Le ho raccontato della partenza, delle fatiche del viaggio e dell’arrivo scoppiettante con Mattia e il suo bordone poderoso.

Valentina mi riempiva di domande e io mi beavo nel darle risposte ricordando ogni singolo particolare della mia grande avventura.

Poi ad un certo punto, quando da un’oretta non ci pensavamo più, ecco che spuntano due uomini vestiti con un saio marrone con davanti stampata una grossa croce di San Giacomo.

Sembravano venuti dal medioevo, sembravano comparse di un film o chissà chi erano santo cielo, mi piacerebbe saperlo!

In ogni caso è singolare che ci fossero e che fossero lì proprio ieri, davanti a noi.

Come se non bastasse ecco che Mattia ieri sera si fa vivo dopo mesi e mi parla proprio della nostra trionfale entrata a Santiago. Quando gli ho raccontato quanto appena detto anche a te, blog, Mattia mi ha risposto una sola cosa: “non esistono coincidenze”.

Ma sarà vero? Perché allora poi bisognerebbe dare peso e un senso ad ogni cosa e si finirebbe per impazzire……

Anche io, soprattutto io.

Annunci