primo maggio… che pesantezza
maggio 1, 2013

Dai che ci siamo (quasi, sono le 21.30) tolti dalle palle uno dei giorni più retorici dell’anno che qualsiasi cosa si dica e sembra proprio si debba dire qualcosa ad ogni costo, non c’è verso di esprimere un pensiero originale.

E “il lavoro non c’è”, “non si dovrebbe festeggiare”, “W il lavoro quando c’è”, “l’Italia è una repubblica fondata sulla ricerca del lavoro” e amenità simili per tutto il santo giorno. E verrebbe da dire che questa è una repubblica fondata sull’ovvio e popolata da persone noiose che non sono nemmeno capaci di godersi un giorno di vacanza in santa pace.

Che se non hai il lavoro, il primo maggio almeno non lavorano nemmeno gli altri.

Annunci